Preferisci che sia la mediocrità o il talento a guidare la tua strategia aziendale?

Se ti trovassi di fronte ad un candidato con un Curriculum Vitae in cui fossero evidenti le sue eccellenze in termini di competenze, capacità ed esperienze come ti comporteresti? Lo assumeresti?

Capita a volte che l’imprenditore veda una persona talentuosa più come un disturbo che un’opportunità.

L’ego personale che ci porta a voler essere considerati “il migliore”, spesso ci rende ciechi.

Una recente ricerca olandese, pubblicata sul numero di ottobre della rivista APA Psychological Science ha concluso infatti che: i leader narcisisti apportano un effetto negativo sulla performance del gruppo.

La loro “centratura su di sé” e il loro “autoritarismo” inibisce le comunicazioni, fonti di idee e creatività, generando un impatto negativo sulle dinamiche aziendali.
Tale comportamento rischia inoltre di renderci prigionieri del nostro stesso “ego”.

Costantemente affaccendati nei processi operativi e praticamente insostituibili, non avremo il tempo di occuparci della parte strategica e di sviluppo della nostra azienda. Saremo concentrati sul fare e non sulla visione. Perderemo di vista gli obiettivi a medio lungo periodo e saremo costantemente impegnati sulla gestione del quotidiano, senza dare profondità alla programmazione strategica. Saremo noi stessi a porre un limite alla crescita della nostra azienda. Sarà difficile migliorare gli standard e quasi impossibile innovare.

Una delle abilità strategiche di un leader dovrebbe essere la capacità di delega. Dietro alla delega c’è la capacità di individuare un talento e creare le condizioni per la sua valorizzazione. Esiste una stretta correlazione tra crescita aziendale e valorizzazione dei talenti.

Ogni azienda dovrebbe contemplare il capitale umano come una risorsa necessaria per la realizzazione della propria offerta che si tratti di un prodotto, servizio o prestazione. Ricercare, valutare e valorizzare il capitale umano è uno degli obiettivi principali che un imprenditore deve porsi per dare stabilità al proprio business e proiettare la propria azienda nel futuro. Un’organizzazione capace di valorizzare l’insieme di conoscenze, abilità, esperienze e attitudini dei propri collaboratori, sarà in grado di raggiungere il successo prima dei competitor e a mantenere tale vantaggio nel tempo.

Una visione chiara, un posizionamento strategico del brand, un’organizzazione interna definita e naturalmente un’attenzione imprenditoriale orientata alla valorizzazione e alla crescita delle risorse, sono fattori determinanti per giocare d’anticipo sull’attrazione del talento, sullo sviluppo di nuove attività all’interno dell’azienda stessa e sulla preparazione di collaboratori per una migliore esecuzione dei compiti futuri.

L’employee retention, ovvero la capacità dell’azienda di attuare strategie e politiche per attrarre dipendenti talentuosi e mantenere i talenti a lungo in azienda è davvero un aspetto nevralgico ed essenziale nelle aziende del ventunesimo secolo.

Tale processo dovrebbe concentrarsi su quattro cardini delle Risorse Umane, tutti finalizzati al raggiungimento del successo aziendale:

  • Reclutamento dei migliori professionisti
  • Pianificazione delle Risorse Umane
  • Gestione delle prestazioni
  • Sviluppo personale e professionale

Dopotutto… è preferibile che sia la mediocrità o il talento a guidare la strategia aziendale?

“La tecnologia reinventerà il business, ma i rapporti umani rimarranno la chiave del successo.” – Stephen Covey

 

________________________________________________________________________________________________________________

Silvano Di Bello
Responsabile dei trainer Prima Group, è Master Practitioner Pnl e Coach certificato nelle aree Business e Life coaching. Da oltre 10 anni tiene corsi di Negoziazione, Sviluppo della Leadership, Tecniche di Vendita Relazionale e Comunicazione non verbale.

Richiedi la tua Consulenza Gratuita!

Oppure compila il form

Autorizzazione al trattamento dei miei dati personali secondo quanto previsto dal nuovo Regolamento GDPR 679/16.

Accetto
Acconsento all'utilizzo dei Dati Personali

Accetto
Acconsento all'utilizzo dei Dati Personali per finalità di Marketing